L’Open Source

L’Open Source è il termine utilizzato in informatica , che identifica un software di cui gli autori rendono pubblico il codice e le risorse da cui è costituito.

Ma perché fare ciò?

Intanto è bene precisare che open source non significa… gratis! ma significa che è possibile studiarne il codice, e talvolta modificarlo e rivenderlo , questo in base alle licenze dell’open source applicate al software.

I vantaggi , per chi diffonde un tale software, e per gli sviluppatori che vi si applicano sono notevoli.

Intanto ognuno può migliorare il software e rendere pubblico il proprio lavoro condividendolo con gli altri , affrontando assieme problematiche e dubbi , collaborando su come apportare una modifica o su come risolvere un bug. I software open source in genere si appoggiano a community di sviluppatori o semplici appassionati che insieme contribuiscono all’avanzamento ed allo sviluppo del progetto.

E’ un grande vantaggio infatti il frequente aggiornamento ed avanzamento di versioni , dovuto a migliorie o a correzione di bug, o ad un aumento della sicurezza informatica, o anche all’adeguamento a norme legislative appena diramate.

L’Open Source è una “filosofia di vita” , fondata sulla cooperazione e sulla condivisione della conoscenza.